#Metodologie #Inclusione #Primaria #Secondaria #Trasversali

Didattica BES: la semplificazione in pratica

28/01/2019   Dott.ssa Giulia Guardavilla
La categoria dei BES comprende alunni con esigenze differenti che necessitano di vari livelli di adattamento dei contenuti. La semplificazione è una modalità di adattamento rivolta agli alunni che seguono un PEI e hanno bisogno di una riduzione dei contenuti.

foglio-0

Per proporre il contenuto di questa pagina in maniera facilitata si possono:

  • togliere alcuni elementi, come per esempio la data e il luogo,i saluti, il PS;
  • utilizzare al posto dei termini di fianco solo delle icone;
  • ridurre il testo in modo più o meno consistente a seconda delle esigenze del bambino;
  • inserire al posto del testo una foto del campanile;
  • trovare qualcosa nel paese in cui si abita da sostituire al campanile per rendere il contenuto più concreto.

La cosa importante anche quando si lavora con alunni con gravi difficoltà è partire in ogni caso dal libro di testo in modo che il bambino sia incluso nell’attività che stanno facendo i compagni e poi adattare il materiale didattico alle esigenze specifiche.


foglio1

Per proporre il contenuto di questa pagina in maniera facilitata si possono:

  • ridurre la lunghezza del testo facendo un riassunto;
  • abbinare a ogni parte del testo un’immagine che la rappresenti;
  • chiedere al bambino di riordinare le sequenze narrative;
  • porre domande fornendo alternative di risposta, se necessario anche visuali.


foglio2

Per proporre il contenuto di questa pagina in maniera facilitata si possono:

  • ridurre il testo, mantenendo le informazioni che si legano maggiormente all’esperienza quotidiana;
  • fare una ricerca iconografica sugli oggetti citati, come televisore, elettrodomestici, etc.;
  • presentare graficamente su cartina le zone geografiche di cui si sta parlando, quindi Europa e Stati Uniti;
  • prendere spunto dal testo per un approfondimento che prevede una ricerca iconografica, per esempio i cambiamenti del televisore o altri oggetti nel tempo, così da lavorare anche in ottica inclusiva: l’approfondimento può essere infatti poi presentato anche ai compagni di classe; 
  • scegliere quali argomenti trattare e quali invece eliminare perché non adatti alle caratteristiche dell’alunno.


28/01/2019   Autore: Dott.ssa Giulia Guardavilla

#Metodologie #Inclusione #Primaria #Secondaria #Trasversali

#Problematiche scolastiche

© Appears srl P.IVA/C.F. 02315691200 | 2018 - 2019 | cookies | privacy / policy | credits